Canyoning e le Calanques di Piana

Corte e la nostra prima esperienza di canyoning

Fontana nella via centrale di Corte
Fontana nella via centrale di Corte

La terza tappa del nostro itinerario in Corsica è Corte, la città più grande dell’entroterra.
Piazziamo la nostra tenda presso il campeggio Saint Pancrace poco lontano dal centro, ma completamente immerso nella natura. Abbiamo goduto di una grande tranquillità, anche se al mattino siamo stati svegliati dal passaggio di camioncini diretti verso un’azienda agricola situata dopo il campeggio.

Decidiamo di raggiungere il centro a piedi per pranzare, 20 minuti di camminata sotto il sole cocente! Mangiamo due panzerotti e andiamo alla ricerca di un gelato. Lungo tutta la via centrale, tra bar, ristoranti e negozi, si diffondono canzoni moderne che mettono di buon umore. Purtroppo non abbiamo molto tempo a disposizione, alle 14 inizia la nostra prima esperienza di canyoning.

Com’è fredda l’acqua del fiume!

Raggiungiamo il canyon Verghellu, precisamente dal ponte Eiffel, tra Vivario e Venaco. Il canyoning è un’attività sportiva che consiste nella discesa di un torrente usufruendo degli scivoli naturali che l’acqua ha scavato nella roccia. Il nostro gruppo, quasi completamente composto da italiani, era accompagnato da una guida molto simpatica e soprattutto molto sensibile alle esigenze di ogni partecipante. L’avventura è iniziata sulla strada, in costume, con uno zaino e delle scarpe di plastica specifiche per l’attività.

I 39°, nonostante fossimo in montagna, si sono fatti sentire molto durante la ripida salita per raggiungere il punto di partenza (loro dicono 30 minuti ma a me è sembrato molto di più). Qui abbiamo indossato muta, casco e imbragatura con moschettoni e via alla discesa!! Salti e scivoli molto divertenti, alcuni accompagnati da un mix di paura e adrenalina. Tranquilli nessun salto è obbligatorio, c’è sempre un’alternativa.

Raccomandiamo di mangiare qualche barretta energetica prima di iniziare l’attività in quanto richiede molto sforzo, non solo la salita ma anche nuotare e camminare nelle acque gelide del torrente superando massi e legni anche molto grossi. Il costo dell’attività è di 60€ a testa (compresa l’attrezzatura e le scarpe), vale la pena provarlo almeno una volta! Canyon Corse offre attività di canyoning in tutta l’isola e con diversi livelli di difficoltà per permettere a tutti di divertirsi in base alla propria esperienza e coraggio.

Conclusa la discesa, stanchi ma felici, abbiamo fatto scorta al supermercato per una super cena che potesse restituirci le forze.

Porto e le meravigliose Calanques

Il giorno seguente ripartiamo verso Porto attraversando una zona montuosa molto fresca, con strade piene di animali in libertà e il bellissimo canyon de la Ruda. Scegliamo una piazzola nel campeggio Funtana a l’ora con piscina, bagni molto puliti e tantissime piazzole spaziose.

Canyon de la Ruda
Canyon de la Ruda
Camping Funtana a l’ora
Sentiero per raggiungere il fiume

Dopo una breve camminata in mezzo a massi enormi si raggiungono le piscine naturali del fiume sito dall’altro lato della strada rispetto al campeggio (sentiero segnalato con il cartello “rivière”). Posto molto tranquillo dove potersi rinfrescare e rilassare.

Una visita a Marine de Porto non deve mancare! Paese molto suggestivo con un meraviglioso profumo di pesce che inonda le strade da cui si iniziano ad intravedere le Calanques.

Le calanques sono una formazione geologica di rocce di granito rosso con le forme più incredibili che cadono a picco sul mare. Semplicemente stupende soprattutto quando vengono infuocate dalla luce del tramonto. Le trovate nel tratto di strada tra Porto e Piana. Anche dopo il quinto passaggio in questa zona gli occhi rimangono sgranati per scrutare al meglio le forme di queste rocce, un vero e proprio spettacolo della natura.   

Plage la Fighiola

Nel cuore di queste calanche abbiamo scoperta quella che è diventata, per noi, la spiaggia più bella della Corsica: La Fighiola. Si raggiunge facilmente seguendo le indicazioni dal paese di Piana. Dal parcheggio bisogna camminare per circa 5 minuti. L’insenatura fa rimanere senza fiato: una spiaggia arancione con le calanques a picco e pietrone sparse, ottima fonte di ombra. È presente anche un piccolo fiumiciattolo che ad un certo punto si tuffa dentro la sabbia e scompare. Il mare è cristallino e ricco di pesciolini neri. Non puoi perdere questa spiaggia!


Se vuoi continuare a leggere le nostre avventure e avere consigli anche della zona più a sud della Corsica leggi qui!

Ti sei pers* la prima parte dell’itinerario e/o i consigli generali sull’isola? Clicca sui link e scoprili subito!

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo cliccando sui pulsanti qui sotto e commenta per raccontarci le tue avventure!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.